• hr: what to see
  • de: was sollten sie sehen
  • cz co vida t
  • pl: co zobaczya
  • it: cosa visitare
  • fr: quoi voir
  • si kaj videti na hvaru
  • what to see
Isola di Hvar
Citta di Hvar
Sucuraj
Jelsa
Stari Grad
Basina
Zavala
Vrboska
Sveta Nedilja
Milna
Ivan Dolac
Baie di Hvar
Viaggio a Hvar
Come venire a Hvar ?
Traghetti a Hvar
Cartina isola di Hvar
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
Isola di Hvar Info
Foto di Hvar
Spiagge di Hvar
Clima di Hvar
Meteo di Hvar
Attivita
Cosa visitare?
Vita notturna di Hvar
Gastronomia & Ristoranti
  • hvar hotels
  • hvar hotels
  • hvar hotels
Croazia
Isola di Hvar, Croazia Cosa visitare?
appartamenti isola di hvarAlloggi in Isola di Hvar 2018 !

Case, appartamenti Hvar - Alloggi privati in Isola di Hvar, Croazia -  Appartamenti affitto, case private, camere - totale 630 alloggi !

Cosa visitare?


Le isole Pakleni

Le isole Pakleni
Le isole Pakleni
Il gruppo di 20 isole e massi che si dispiegano di fronte alla città di Hvar si chiamano isole Pakleni (Paklinski) e rappresentano una delle bellezze naturali più sorprendenti di Hvar. Un tempo prive di vegetazione, a mala pena ricoperte di erbe aromatiche e campi coltivati (colture di mais) e con un piccolo insediamento Vloka, oggi rappresentano una delle escursioni più popolari, conosciute in tutto il mondo, soprattutto tra gli amanti del mare.

Mappa naturalistica
Mappa naturalistica
L'isola più grande tra le isole Pakleni è Saint Klement con la sua località di Palmizana, dove, sulla parte nord, si trova la baia che ospita la marina ACI, e sulla parte a sud si trova una baia (Vinogradisce) con numerosi ristoranti, ancoraggi per barche, tipicamente frequentata durante tutto il giorno nell'alta stagione. Un posto imperdibile.

Gli amanti della natura hanno trovato il loro posto sotto al sole dell'isola di Pakleni (vedi mappa) che, oltre ai ristoranti offerti, comprende anche bar sulla spiaggia per coloro che vogliono festeggiare durante il giorno. Le navi da escursione partono tutto il giorno da punti differenti dell'isola di Pakleni e dal porto di Hvar (generalmente di fronte all'Arsenale di Hvar).

Fortezza Fortica (Španjola)
Fortezza
Fortezza
Costruita sulla collina sulla parte più antica della città di Hvar a metà del XVI secolo. È una ricchezza architettonica con una storia militare, con una splendida vista sulla città di Hvar, sui suoi dintorni e sulle isole vicine. Alcune delle foto più belle di Hvar sono scattate da qui.


La cattedrale di Hvar
La cattedrale
La cattedrale
Assieme al tempio degli Alfieri, chiude il lato est della piazza più grande della Dalmazia – Hvar piaca (Piazza di Santo Stjepan). La cattedrale è dedicata al Santo Stjepan, papa e protettore della diocesi e della città di Hvar. La cattedrale è anche il centro del distretto cattolico di Hvar.


Teatro di Hvar (e Arsenale)
Teatro di Hvar e Arsenale
Teatro di Hvar e Arsenale
Uno dei primi teatri pubblici in Europa fondato nel 1612. Costruito sull'antico Arsenale (l'area per la riparazione delle barche). La parte esterna del teatro è intatta nella sua forma originale, mentre l'architettura interna risale al diciannovesimo secolo.


Monastero Francescano
Monastero Francescano
Monastero Francescano
Costruito nel 1461. Al suo interno pace e tranquillità: è possibile ammirare il suo splendido museo, inclusa una collezione di dipinti di antichi maestri.



Convento benedettino
Convento benedettino
Convento benedettino
Esiste ad Hvar dal 1664, quando due suore arrivarono dall'isola di Pag per iniziare la loro missione in convento. Le persone di Hvar volevano fondare questo monastero da molto tempo prima (dal 1534), per questo motivo in molti donarono molto per poterlo iniziare.

Oltre all'apporto di spiritualità che il convento dà all'area, oggi è molto conosciuto per il pizzo realizzato in agave – endemico e realizzato solo qui, tramandato di generazione in generazione a livello familiare per almeno 130 anni.


Stari Grad


VASCA DEI PESCI DI PETAR HEKTOROVIĆ

La fortezza di Petar Hektorović (1487 – 1572), con la colombaia e la vasca dei pesci tra le costruzioni più famose di Stari Grad.
Hektorovic
Hektorovic


Il poeta rinascimentale ha impiegato tutta la sua vita per costruirla e, per lui, era importante tanto quanto la sua poesia. In questa struttura ha raggiunto l'idea del microcosmo – un piccolo mondo isolato, dove tutte le creature hanno il loro spazio per vivere – uccelli, pesci, piante e persone (lui, i suoi amici, sua moglie, i viaggiatori, i poveri).

La fortezza contiene anche un libro di pietra – Hektorović ha lavorato nella pietra più di venti scritture in latino e in italiano (in italiano soltanto una – il suo motto – Fede e realtà, o quanto è bella!) e anche in croato.

PIAZZA SANTO STJEPAN
Santo Stjepan
Santo Stjepan
Di fronte alla chiesa che porta lo stesso nome, in origine una cattedrale croata, è lo spazio pubblico più importante di Stari Grad. In passato vi si leggevano le sentenze e vi si firmavano contratti. Oggi, dopo che l'antico ritmo è cambiato, è diventata l'oasi della contemplazione e del silenzio.

La CHIESA DI SANTO STJEPAN
è una struttura barocca. Il lavoro alla costruzione iniziò nel 1605 dopo che la vecchia cattedrale e il convento furono distrutti. Il portale principale e probabilmente la facciata della chiesa furono costruite da famosi maestri come Korcula Ivan Pomenić, colui che costruì la cattedrale attuale di Hvar.


IL CAMPO DI STARI GRAD (HORA)
il campo di Stari Grad
il campo di Stari Grad
Un grande campo al centro dell'isola che ha cambiato nome man mano che i signori cambiavano: sotto i greci Khora Pharu, sotto i romani Ager Pharensis, nel Medioevo Campus Sancti Stephani (Il campo di Santo Stjepana), oggi il campo di Stari Grad. Ma è rimasto sempre al centro dell'isola, supportando la vita nel corso dei secoli.


Sempre coltivato con vigneti, nel Medioevo, e ospitava anche coltivazioni di mais. Agli angoli si trovavano alberi di fico. I mandorli erano più vicini agli insediamenti, quasi nei giardini. Gli ulivi, come oggi, si arroccavano sulle colline.
Hora
Hora
Tra gli ulivi si celavano le carrube. Più in altro, c'erano piante di lavanda, coltivate dopo il fallimento dei vigneti (a causa delle malattie) all'inizio del XX secolo.

Oggi è invaso di Pini d'Aleppo, che si stanno insidiando sempre di più. Il campo di Stari Grad è sotto la protezione dell'UNESCO con la vecchia città di Stari Grad.
 
Secure server   Vakance travel
 turistica croata Associazione delle agenzie turistiche croate